La settimana di… Valeria Di Leo

Ultimo brano tratto da “Non ditelo alle viole”

 

“Mi raccomando, Carlo: stai attento! Cerca di avere cura di te!”
Questa sei tu, circa un secolo fa.
Sarebbe stato un pomeriggio differente da tutti gli altri. Si trattava di quel lavoro per la scuola, ricordi?
C’era di mezzo una tesina, l’argomento riguardava “Storia delle tradizioni popolari e superstizioni”.
A tal proposito, avevo deciso di fissare un appuntamento nientepopodimeno che con la santona, quella donna che millantava poteri paranormali ed arti divinatorie.
Nella tua vita, era già entrato LUI e tu non avevi più molto tempo da dedicarmi.
Quel giorno, però, eri un po’ in pensiero per me e ricordo che mi facesti sentire molto importante. Ma non era per me che saresti dovuta impensierirti… Non ditelo alle viole

LUI sparì poco tempo dopo.
Ripensandoci è strano, molto strano, che non l’abbiano cercato più di tanto.
Non aveva una famiglia vera e propria che lo legasse a questo posto, ma solo quella vecchia zia a chiedersi dove fosse finito e, sì, era normale che sparisse per un po’.
Ma non così, non per così tanto tempo…
Anni dopo, c’era chi giurava di aver saputo che era stato visto addirittura in Argentina e che era là che viveva.
Quel che è certo, è che ciò che distolse l’attenzione dalla sua scomparsa, o partenza, fu un fatto di cronaca nera che fece inorridire tutti, me compreso. Me, forse, più di tutti.
Il figlio della maga, della santona, come ricorderai, in un impeto di gelosia accoltellò a morte la sua giovane moglie. Lei ed il suo amante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...